Prevenzione dentale: la migliore cura contro il mal di denti

Tartaro e mal di denti: come evitarli

Le malattie dei denti sono un fenomeno troppo spesso sottovalutato, che purtroppo però ha un fortissimo impatto sulla nostra salute. Ci preoccupiamo più spesso di tenere monitorati altri aspetti della salute del nostro corpo, dimenticandoci del cavo orale. Finché, d’un tratto, non ci viene il mal di denti. A quel punto corriamo subito a prendere un antidolorifico e cerchiamo il dentista più vicino nella speranza che possa fissare un appuntamento nel più breve tempo possibile.
Tutto questo si può evitare “semplicemente” preoccupandoci della nostra igiene orale giorno dopo giorno – mettendo in atto quei piccoli gesti quotidiani che rientrano nella sfera della prevenzione dentale.
Prima di tutto diamo uno sguardo a quelle che sono le malattie dei denti per le quali è necessario adottare le buone abitudini della prevenzione dentale.
I denti, a differenza di altre parti del nostro corpo come pelle e capelli, non hanno alcun meccanismo di auto rinnovamento. Questo significa che non si rigenerano e se cadono non esiste altro rimedio alla sostituzione artificiale. Ecco perché la prevenzione dentale è così importante.

Malattie dei denti, quali sono

Carie

La Carie è la prima e più comune tra le malattie dei denti. Questa è da considerarsi una vera e propria malattia poiché si tratta di un attacco batterico che può sfociare, se trascurata, nella perdita del dente. La carie è provocata dall’azione degli acidi della placca dentale che agiscono intaccando lo smalto. Tra i sintomi dopo la comparsa si hanno dolore ai denti e accresciuta sensibilità caldo/freddo.

Placca dentale

La placca dentale è una patina creata dai batteri che vivono nella nostra bocca. Dalla placca sui denti ha anche origine il tartaro. Infatti, il tartaro non è altro che la calcificazione della placca che avviene attraverso il contatto con i sali minerali presenti naturalmente nella saliva. La buona notizia è che la placca è rimovibile senza l’intervento di un dentista, semplicemente con un accurato spazzolamento. La placca sui denti se lasciata indisturbata può causare carie e parodontiti.

Tartaro

Il tartaro è un’incrostazione che si forma dalla mineralizzazione della placca batterica sui denti, intorno alla gengive. Una scorretta igiene orale, insieme a fattori come fumo e caffè, ne favoriscono l’accumulo. Il tartaro, a differenza della placca sui denti, deve necessariamente essere rimosso da un professionista. Spesso il tartaro trascurato si insinua poi al di sotto delle gengive causando gravissimi danni che richiedono la competenza specifica del parodontologo.

Gengiviti

Le gengivitisono infiammazioni delle gengive provocate dai batteri presenti nella bocca. Se trascurati, questi batteri possono infettare così in profondità da intaccare persino l’osso.

Prevenzione dentale: in cosa consiste?

Ecco perché, per evitare mal di denti e malattie del cavo orale, è necessario assumere un comportamento preventivo di cura e pulizia quotidiana dei denti.

L’igiene orale è solo una delle azioni di prevenzione delle malattie dei denti. La prevenzione dentale comprende l’igiene orale e l’igiene alimentare. Infatti, anche la dieta svolge un ruolo importante nella formazione e proliferazione di batteri e sostanze che possono interagire con essi.

Per quanto riguarda l’igiene alimentare riportiamo le linee guida del Ministero della Salute.

– Limitare dolciumi e cibi zuccherati. Questi aiutano la proliferazione della placca sui denti.
– Seguire una dieta ricca di frutta e verdura, alimenti che contengono vitamine e minerali essenziali (vitamine C, A e D, calcio, fosforo, potassio, sodio, ferro e magnesio) per evitare la comparsa di malattie dei denti.

Pulizia dei denti fai da te

Pulire i denti quotidianamente risulta necessario, ma altrettanto importante è farlo bene. Quest’ultimo punto non è da sottovalutare, di seguito troverai delle istruzioni utili per capire come lavare i denti e se lo fai correttamente.

Come si lavano i denti? Quante volte bisogna lavare i denti?

Spazzolino

Tempo. Innanzitutto considera che la frequenza è importante. La risposta alla domanda “quante volte bisogna lavare i denti? “ è: dopo ogni pasto, a distanza di almeno mezzora dall’ultimo boccone. Per quanto riguarda la durata, è necessario spazzolare i denti per almeno 2-3 minuti. 

Strumento. Il tipo di spazzolino da utilizzare è quello con la testina medio-piccola con setole di durezza media. La dimensione ridotta dovrebbe facilitare il raggiungimento di tutte le zone della bocca; Lo spazzolino va sostituito almeno ogni due mesi.

Metodo. Come si lavano i denti? Bisogna spazzolare tutti i denti, a partire da quelli anteriori fino a quelli posteriori.

Collutorio

E’ necessario distinguere tra collutori terapeutici e cosmetici. I primi devono essere assunti solo in seguito a una prescrizione medica, i secondi si trovano al supermercato.
Questi ultimi non sono necessari, ma consigliati se rientrano in un quadro di cura e prevenzione più ampio. I collutori non possono cioè essere utilizzati da soli come sostituti di spazzolino e filo interdentale. I collutori con alcool non devono essere usati troppo spesso nell’arco della giornata perché possono risultare, in alcuni casi, troppo aggressivi per lo smalto e le mucose.

Filo interdentale

Come usare il filo interdentale? Importante per completare la pulizia dei denti è l’uso regolare del filo interdentale. Questo metodo rappresenta un sistema insostituibile per eliminare la placca che si insinua tra i denti e che quindi non può essere raggiunta dallo spazzolino. Tuttavia, l’uso del filo non è consigliato in età evolutiva.

Pulizia dei denti professionale

Ultimo tassello della prevenzione dentale, ma non meno importante, è la pulizia dei denti professionale. Le sedute d’igiene orale professionale sono mirate alla rimozione del tartaro che si forma nelle zone dove è più difficile la pulizia casalinga e quotidiana e dove c’è un maggiore ristagno di saliva. Inoltre, l’importanza di sottoporsi regolarmente a visite periodiche dal proprio dentista di fiducia risiede nella possibilità di identificare eventuali sviluppi di malattie dei denti e delle gengive.
D’altra parte si sa, prevenire è meglio che curare e noi dello Studio Dentistico Dr. Crespi – Dr.ssa Salone siamo sempre a disposizione per visite di controllo e consigli pratici per tutta la famiglia

Ti potrebbe interessare

Ortodonzia

Denti e salute. Le malocclusioni e le apparecchiature dell’ortodontista

Implantologia

Denti mancanti: la soluzione giusta esiste

Parodontologia

Come si cura la paradontite? E quali sono i sintomi?